autunno cosa fare
BAMBINO,  FAMIGLIA,  MAMMA,  NOTIZIE

Autunno: cosa fare e dove andare

È arrivato l’Autunno, ma si può e si deve continuare a correre nei prati o giocare al parco insieme ai nostri bambini.

E’ arrivato l’autunno e finalmente è consentito raccogliere ciò che è a terra e per un bimbo tutto quanto sta a terra è particolarmente interessante, perché sul suolo ci sono le cose che vedono per prime, questione di prospettiva.

Le foglie di colori e forme diverse, possiamo portarle a casa e realizzare magnifici collage, quadretti, disegni, decorazioni, ghirlande…etc

Navigando in internet potete trovare molte idee per sbizzarrirvi in creativi lavoretti da fare in autunno.

Attività, apparentemente banali per adulti, sono invece importantissime per i bambini che sviluppano creatività e manualità.

Vi propongo due idee:

LANTERNE DI VETRO

(così ci prepariamo anche per Halloween)

Occorrente:

  • Foglie autunnali in buono stato (Il giorno prima dell’operazione fate in modo che le foglie siano ben pulite e asciutte e se così non fosse usate uno spazzolino a setole morbide per eliminare la terra e degli strofinacci per assorbire l’acqua);
  • Mettetele fra due fogli di carta assorbente e pressatele con dei libri in modo da renderle più piatte e perfette per l’utilizzo decorativo. (Tenetele tutta la notte così);
  • Vasetti di vetro delle conserve lavati con alcol per eliminare eventuali tracce di grasso che potrebbero esserci sulla superficie.
  • Colla Vinavil (o anche colla per decoupage);
  • Moccoli o candele (per la scelta della dimensione fate in modo che lo stoppino non sia troppo distante dal bordo del vasetto di vetro dove andranno alloggiati);
  • Cordino naturale;

Procedimento:

  1. Con un pennello a setole medie date una prima passata di colla su tutto l’esterno del vasetto, adagiate le foglie fino a coprire tutta la superficie e spennellate ulteriormente con altra colla;
  2. Fate asciugare e poi completate la decorazione annodando dei fiocchetti di corda attorno al bordo del vasetto;
  3. In ultimo mettete i moccoli all’interno, accendeteli e godetevi lo spettacolo autunnale.

Consiglio.

Per evitare che la candela si muova all’interno del vasetto accendetela e fate cadere un filo di cera sul fondo, dopo di che, facendo attenzione a non bruciarvi le dita, collocatela sopra.

QUADRI

Occorrente:

  • Foglie;
  • Glicerina liquida vegetale;
  • Cornice;
  • Lastra di vetro;
  • Fiori;

Procedimento:

  1. Lavare accuratamente fiori e foglie;
  2. Per prima cosa raccogliamo le foglie ed i fiori che più ci interessano ancora attaccati al gambo, dopodiché li laviamo in modo accurato e delicato così da togliere eventuali residui di terra o di polvere;
  3. Successivamente sempre con molta delicatezza e attenzione andiamo ad asciugarli, magari tamponando le superfici delle foglie e dei petali dei fiori con un foglio di carta assorbente;
  4. Prepariamo una soluzione di acqua e glicerina in cui andremo ad immergerli;
  5. Prendiamo un recipiente di media grandezza e all’interno versiamo i due liquidi mescolandoli accuratamente (l’acqua in tal caso deve essere calda e la glicerina deve essere del tipo liquida vegetale, quella che trovate nei vivai perché serve proprio per curare fiori e piante e conservarle a lungo);
  6. Immergere i gambi per 10 cm di lunghezza e, posare il nostro recipiente in un luogo lontano dalla luce e da fonti di calore.
  7. Trascorsa almeno una settimana, quando cioè la maggior parte della soluzione sarà stata assorbita e il colore ci sembrerà leggermente più vivace rispetto a prima, estraiamo i gambi di fiori e foglie dal recipiente e laviamoli accuratamente dopodiché asciughiamoli con un panno di spugna;
  8. Adesso prendiamo un cartoncino, dove andremo a posizionare le nostre foglie ed i fiori e, decidiamo poi l’assemblaggio che più ci piace;
  9. Quando avremo allestito il nostro quadro, ricopriamo la cornice, con una lastra di vetro spessa almeno 0,5 mm, e appendiamola su una parete libera della nostra casa.

E FUORI CASA, IL FOLIAGE

Da qualche anno una vera tendenza e tanti scatti fotografici al “Foliage”, quel momento dell’anno in cui le foglie si tingono di giallo e rosso, donando ai paesaggi boschivi strabilianti tonalità, infiammate e dorate.

TRENO, PERCORSI PANORAMICI

Treno del foliage (magico con i colori autunnali) convoglio suggestivo che corre lungo la ferrovia Vigezzina-Centovalli, collegamento tra Italia e Svizzera attraverso la Valle Vigezzo, detta anche la Valle dei pittori.

La ferrovia panoramica parte da Domodossola, nell’alto Piemonte, e arriva nella Svizzera di Locarno, sul Lago Maggiore, passando per la Val d’Ossola, la Val Vigezzo, le Centovalli, arrivando a concludere il suo giro sul Lago Maggiore.

Trenino rosso del Bernina.

Treno dei Sapori che propone diverse itinerari alla scoperta della Franciacorta e del lago d’Iseo.

Trenino del Renon composto anche da carrozze d’epoca che ci porta da Collalbo (BZ) fino a Santa Maria.

Qui trovate la pagina ufficiale di Fondazione FS dedicata ai treni storici con tutte le informazioni per organizzare il vostro viaggio:

http://www.fondazionefs.it/content/fondazione/it/it/treni-storici.html

In qualsiasi parte d’Italia voi siate: montagna, collina, pianura, lago, mare.

Potete sicuramente fare una bella passeggiata in mezzo alle foglie, tra la natura, lontani da smog e caos, che è sempre uno dei doni più preziosi che potete fare ai vostri bambini.

Io quando cammino in mezzo le foglie, canticchio la canzone, che mi hanno insegnato miei bambini:

CRIC-CRAC-CROC, è il rumore delle foglie, che nessuno mai raccoglie.

Potete andare a visitare:

  • Parchi faunistici;
  • Agriturismi;
  • Aziende olivicole: per la raccolta di olive e produzione di olio nei frantoi.

È sempre più importante far capire ai bambini come si ottengono i prodotti che troviamo giornalmente sulla nostra tavola e l’importanza della genuinità degli alimenti al fine di creare un collegamento tra il cibo e l’ambiente che ci circonda.

Aziende agricole:

In autunno tra Settembre e Ottobre, è tempo di raccogliere l’uva e l’atmosfera della vendemmia incanta a tutte le età, grazie all’evento Cantine Aperte in Vendemmia, organizzato dal Movimento Turismo del Vino che prevede tanti appuntamenti in tutta Italia, alcuni pensati proprio per le famiglie.

Cestino, forbici e stivali di gomma, pronti a correre tra i filari per raccogliere l’uva, e poi via le scarpe e tutti nei tini per schiacciare a piedi nudi i chicchi, mentre sale inebriante il profumo del mosto.

Vendemmiare con i bambini è un’esperienza preziosa, perché ci riporta alle cose semplici e fatte con calma, come facevano i nonni.

logo-fb Autunno: cosa fare e dove andare
cliccate sull’immagine

In alcune fattorie ci si può dedicare alla raccolta di frutta e verdura autunnale, ad esempio, i must:

fichi, cachi, melograni, zucche…e molto altro che l’Autunno ci dona.

BOSCHI

Possiamo raccogliere le castagne.

Funghi ma sconsiglio, perché bisogna conoscere molto bene ciò che si raccoglie ed anche se siamo esperti, far sempre controllare il proprio bottino a un controllore di funghi presso uno dei luoghi di controllo ufficiali per accertarsi che non vi siano funghi tossici.

Per la raccolta di funghi ocorre un tesserino che può avere validità giornaliera, settimanale, mensile o semestrale, utilizzabile nel territorio in esso indicato.

I tesserini sono in vendita presso gli esercizi pubblici convenzionati e, a seconda del territorio di competenza, presso le sedi  dei Comuni o delle loro Unioni e degli Enti di gestione per i Parchi e la Biodiversità.

Visitare BORGHI MEDIEVALI

logo_borghi-retina Autunno: cosa fare e dove andare
cliccate sull’immagine

Visitare CITTÀ D’ARTE

Non perdetevi la funicolare (Bergamo Alta), cremagliere (Opicina a Trieste), ascensori panoramici (Genova), tram storico n. 5 che parte da piazza Castello e attraverso un percorso ad anello tocca alcune delle principali attrazioni della città (Torino), scale mobili (Perugia).

  • Musei;
  • Cinema;
  • Teatro;
  • Letture, racconti, laboratori nella biblioteca del proprio paese/città.

C’è solo l’imbarazzo della scelta.

L’autunno non è una stagione, ma uno stato d’animo.

Nietzsche

Michela Turzi

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *