amnesia dissociativa
BAMBINO,  FAMIGLIA,  GENITORI,  MAMMA,  NONNI,  NOTIZIE,  PAPA'

Bambini dimenticati in auto – amnesia dissociativa

Com’è possibile dimenticare il proprio bambino in auto? Ognuno di noi se lo domanda

É qualcosa che va oltre ogni immaginazione ed ogni volta che leggiamo notizie di questo genere raccontiamo a noi stessi che non potrebbe mai accaderci, ma attenzione all’amnesia dissociativa.

Non possiamo e non dobbiamo credere di essere immuni da tutto questo, perché é un qualcosa che può accadere a chiunque, come successo a Catania:

Un padre mette il proprio bambino in auto per portarlo a scuola, e saltando però il passaggio fondamentale “non lascia il bambino a scuola”, parcheggia l’auto direttamente nell’area lavorativa

Dopo 5 ore, la telefonata della madre avverte il marito dell’assenza del bambino al nido, l’uomo intuisce quanto successo e si reca precipitosamente alla macchina

il dramma

il povero piccolo è ancora legato al seggiolino ma in stato di incoscienza ed inutile è la corsa in ospedale, il piccolo non ce l’ha fatta.

Ma come é possibile? se lo starà domandando in continuazione quel povero padre che mai troverà pace per quanto accaduto.

Non é il primo e purtroppo non sarà nemmeno l’ultimo caso di questo genere, la vita frenetica, lo stress, i mille impegni giornalieri ci portano ad errori anche fatali…

Si chiama amnesia dissociativa e si tratta di un vuoto di memoria ovvero un black out che porta a dimenticare totalmente una parte della nostra vita.

Negli Stati Uniti ogni anno sono più di 30 i casi di decessi causati dalla dimenticanza in auto di una giovane vita e in Europa i casi si stanno moltiplicando.

Negli ultimi 20 anni nel mondo sono stati almeno 600 i bambini rimasti chiusi in macchina e deceduti per il calore.

L’amnesia dissociativa è causata da momenti di intenso stress, traumi o situazioni di particolare tensione, stanchezza mentale e fisica, tutti ne possiamo essere soggetti, nessuno escluso, soprattutto in un mondo in cui tutto é frenetico, dove non c’è tempo per fermarsi a pensare.

Non si tratta di essere cattivi genitori, di mancanza di amore verso il proprio figlio, si tratta di un istante fatale in cui il nostro cervello va in black out e ci dimentichiamo totalmente di aver fatto o non fatto una determinata cosa.

Non giudicate il genitore che ha dimenticato il proprio bambino in auto perché nessuno é davvero esente da un comportamento di questo tipo.

Consigli

  • Lasciate la borsa personale lo zaino del lavoro o qualsiasi cosa vi dovrà servire una volta arrivati sul luogo del vostro impiego, vicino al bambino, così da dover comunque controllare i sedili posteriori;
  • Parlate con il vostro bambino durante il tragitto con lui, raccontategli quello che state facendo, così che la mente sia concentrata su di lui;
  • Avvisate sempre la scuola delle assenze del vostro bambino così che nel caso la scuola non lo veda, possa intuire che qualcosa non va;
  • Usate il cellulare per impostare delle sveglie che vi ricordino che dovete lasciare il vostro bambino a scuola;
  • Acquistate un dispositivo salva bambino, che vi avviserà nel caso in cui scesi dalla macchina vostro figlio dovesse rimanere all’interno

Su quest’ultimo punto ci teniamo a precisare che:

la legge sull’obbligo di utilizzo di dispositivi anti abbandono è stata approvata ma non ancora operativa.

Abbiamo davvero bisogno che diventi operativa una legge per acquistare un dispositivo che può salvare la vita a nostro figlio?

Spendiamo soldi per una miriade di oggetti stupidi e non investiamo il nostro denaro in qualcosa che può salvare la vita dei nostri bambini. (parliamo di una spesa di 40 – 60 euro.)

Guardate qui per farvi un’idea “DISPOSITIVI ANTI ABBANDONO

Fatti drammatici come quello di Catania possono accadere ad ognuno di noi e dobbiamo far si che, la morte del piccolo Leonardo non sia stata vana e che diventi un monito per tutti, per farci capire che è il momento di agire e di dotarsi di tecnologie che potranno salvare molte vite innocenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *