plastica diventa acqua
NOTIZIE

Batteri trasformano la plastica in acqua

A soli 23 anni, Miranda Wang, ha trovato il modo per degradare la plastica e ottenere prodotti riutilizzabili in molte applicazioni e il tutto senza usare il petrolio.

Una tecnologia che su larga scala potrebbe ridurre in maniera importante la plastica che sta distruggendo l’ecosistema dei nostri mari e della terra.

Questa scoperta gli ha fatto conquistare il Rolex Awards for Enterprise 2019.

Le materie plastiche sono quasi mai biodegradabili e quindi permangono nell’ambiente per moltissimo tempo (quasi eterno) e la chiave per la loro “distruzione” sembra essere una molecola che riesce a trasformare la plastica in H2O e Co2.

I batteri presenti in natura non riescono nel compito di distruggere le plastiche e anche utilizzando prodotti chimici i problemi rimangono a parte studi recenti che coinvolgono l’utilizzo di enzimi.

La soluzione (forse)?“Abbiamo identificato un catalizzatore che taglia le catene polimeriche per innescare una reazione a catena intelligente, a pressione atmosferica e ad una temperatura che può essere gestita da un bollitore

Una volta che il polimero si rompe in pezzi con meno di 10 atomi di carbonio, l’ossigeno dell’aria si aggiunge alla catena e forma preziose specie di acidi organici che possono essere raccolte, purificate e utilizzate per realizzare i prodotti che amiamo”.

dal sito della società 

La tecnologia proposta da Miranda Wang richiede macchinari semplici e quindi una tecnologia economicamente fattibile , nonché la possibilità di recuperare prodotti utili a petrolio free.

Il nostro prodotto è una miscela di esteri dibasici contenenti da 4 a 9 atomi di carbonio– si legge ancora sul sito –Nessun altro team ha creato tali prodotti dai rifiuti di plastica post-consumo! Gli eteri sono prodotti oggi utilizzando petrolio e sono essenziali per ottenere svariati tessuti e materiali. La nostra innovazione utilizza i rifiuti di plastica sostituendo il petrolio come risorsa per filiere sostenibili

Queste scoperte scientifiche permettono di guardare al futuro con speranza, ad un mondo che” con volontà” può davvero cambiare in meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *