bonus nido 2020
AGEVOLAZIONI,  BAMBINO,  FAMIGLIA,  NOTIZIE

Bonus nido 2020 si arriva a 3.000 euro

tutte le novità, scaglioni di importi e modalità di richiesta

Bonus nido 2020 fino a 3.000 euro di rimborso per l’asilo nido

Con il 2020 grazie alla nuova Legge di Bilancio aumentano gli importi dei rimborsi asilo nido, in base alle diverse fasce ISEE

La promessa iniziale era quella di Asili Nido Gratis, non siamo ancora a quei livelli ma comunque un passo in avanti è stato fatto.

IMPORTI BONUS NIDO 2020

Ecco i nuovi importi:

3.000 euro per le famiglie con ISEE fino a 25.000 euro;

2.500 euro per le famiglie con ISEE compreso tra 25.001 e 40.000 euro;

1.500 euro per le famiglie con ISEE superiore a 40.000 euro.

Come si può vedere la differenza sta nel fatto che, con il vecchio Bonus Nido il valore di rimborso era pari a 1.500 euro per tutti, mentre con il nuovo Bonus Nido 2020 l’importo verrà stabilito dai 3 scaglioni ISEE.

ESTENSIONE MALATTIA BAMBINO BONUS NIDO 2020

Altra novità del Bonus Nido 2020 è l’estensione del ai bambini malati cronici con cure a domicilio, i quali per problemi di salute non possono frequentare l’Asilo Nido ma abbisognano di cure a domicilio.

Con questa ultima integrazione, le famiglie dei bambini impossibilitati a frequentare il nido a caus di gravi patologia croniche avranno diritto a 3.000 euro per redditi fino a 25.000 euro per gli scaglioni successivi la cifra sarà di 1.500 euro.

In questo caso, l’importo sarà erogato dall’INPS in un’unica soluzione, solo dopo la presentazione da parte dei genitori del bambino della domanda compilata e del certificato pediatrico attestante la malattia che impedisce la frequentazione del nido per tutto l’anno scolastico.

COME ACCEDERE AL BONUS NIDO 2020

Per poter usufruire del Bonus Nido si deve procedere alla compilazione della domanda tramite il sito web dell’INPS alla sezione Bonus Nido cliccate qui per accedere direttamente, successivamente si dovranno inserire le proprio credenziali e cliccare su inserisci domanda (al momento non è ancora attiva e lo sarà da Febbraio).

Per avere diritto al rimborso, come già per gli anni precedenti, si dovrà aver prima sostenuto la spesa ed inserire nel sito l’attestazione della fattura, vi rimandiamo ad un precedente articolo dove venivano spiegati nel dettaglio le operazioni da eseguire (clicca qui).

Restiamo quindi in attesa dell’effettiva possibilità di inserire le domande sul sito INPS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *